Prof. Mariapia Abbracchio

Comitato Scientifico

Maria Pia Abbracchio, padre francofono e madre napoletana, è nata e ha studiato a Milano. Ha conseguito la maturità classica al liceo “Giovanni Berchet”, è laureata in Farmacia, specializzata in Tossicologia e Dottore di Ricerca in Medicina Sperimentale.

Da più di 30 anni fa ricerca presso Istituzioni pubbliche quali la Statale di Milano, l’Università del Texas (post-doctoral fellow alla Medical School di Houston nel 1980-1981) e University College London (Honorary Research Fellow nel 1992-93).

Dal 2002 è professore ordinario di farmacologia e responsabile di un gruppo di ricerca di 12 scienziati presso la Statale di Milano. Fa parte del
Collegio Didattico Interdipartimentale del corso di laurea in Farmacia e del Collegio del dottorato di ricerca in Scienze farmacologiche, sperimentali e cliniche.
Ha ricoperto vari incarichi istituzionali: è stata segretario dell’allora Facoltà di Farmacia, membro della Giunta del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, membro della Commissione paritetica per il corso di laurea in Farmacia, dal 2006 al 2012 Presidente del Comitato di Area 10 (Scienze farmaceutiche e farmacologiche) e membro della CARSTT.

Attualmente è membro della Commissione Brevetti, Presidente dell’Osservatorio della ricerca di ateneo (dal 2014), Presidente di Fondazione Filarete (dal 2016), e delegata dell’ateneo alla CRUI per il Gruppo di Lavoro n.5, Scienze della Vita e della Salute (dal 2017).
Autrice/coautrice di circa 180 pubblicazioni scientifiche internazionali (H-index: 63, InCites).

Ha ricevuto finanziamenti da enti di ricerca pubblici e privati, italiani e stranieri, e presentato i risultati delle sue ricerche in più di 100 fra conferenze e seminari in Italia e all’estero, o in conferenza-stampa (press release a Milano nel 2006, 2008, 2009, 2011, 2015, e nel 2006 ad Atlanta, USA). Dal 2003 è referee per il MIUR (progetti PRIN e valutazioni ANVUR) e independent expert per la Commissione Europea (sia attività remota che a Bruxelles).

Ha individuato un recettore (GPR17) presente sulle cellule simil-staminali adulte e sta sviluppando nuovi approcci terapeutici che possano, attraverso questo recettore, potenziare la riparazione funzionale in malattie neurodegenerative acute e croniche (trauma cerebrale, Alzheimer, sclerosi multipla), incluse quelle di origine cardiovascolare (ictus). Ha inoltre proposto un ruolo per questo recettore nel reclutamento precoce di cellule cardiache stromali in risposta ad ischemia.

Vincitore di numerosi premi scientifici nazionali e internazionali, è inventore in 10 domande di brevetto internazionali, due dei quali già concessi. E’ stata nominata dall’agenzia internazionale Thomson Reuters “Highly cited scientist”, definizione che identifica gli autori delle pubblicazioni più influenti al mondo nel loro settore (meno dello 0,5% di tutti i ricercatori); nel febbraio del 2014 è stata insignita dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Giorgio Napolitano (motu proprio) per meriti scientifici.

Nel 2016 è stata selezionata dall’Assemblea per il premio Nobel a far parte del gruppo di scienziati invitati ogni anno a proporre candidature per il premio Nobel in Fisiologia e Medicina.

Svolge da anni attività di politica della ricerca e di divulgazione scientifica. Sulla base di criteri di merito scientifico e di visibilità nazionale e internazionale, è stata selezionata a far parte della piattaforma 100esperte nell'ambito delle Scienze STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics), progetto promosso dall’Osservatorio di Pavia, dall’associazione G.I.U.L.I.A, dalla Commissione Europea, da Wikimedia e dal Centro Genders della Statale, in collaborazione con la Fondazione Bracco e con il patrocinio della Consigliera Nazionale di Parità del Ministero del Lavoro e Politiche sociali.   

E’ attualmente Vice Presidente di Gruppo2003 per la ricerca scientifica, che da anni si occupa del rilancio della ricerca in Italia, e che nel 2016 ha raccolto circa 100.000 firme con la campagna “Salviamo la ricerca in Italia”, iniziando un colloquio produttivo sul finanziamento nazionale alla ricerca con il MIUR e con il governo.
Ha effettuato più di 100 fra conferenze e seminari (molto spesso su invito) a congressi scientifici o presso Istituzioni di ricerca nazionali e internazionali (inclusa la Yale University,  la New York University, la Virginia Commonwealth University, la University of Miami e il National Institute of Health negli USA; la McMaster University in Canada, il Max Delbrück Center for Molecular Medicine di Berlino, l’Università di Monaco, la Royal Society nel Regno Unito, la Paracelsus Medical University di Salisburgo e la Royal Academy of Pharmacy spagnola, della quale è membro emerito).    

Fondazione Cuore Domani: 65 Grant per partecipare al congresso SICCH.

Oggi 31 ottobre, si è conclusa l’aggiudicazione dei 90 grant “ISTITUZIONALI” che SICCH ha potuto bandire grazie ai contributi ...

LEGGI TUTTO

Settembre, andiamo. è tempo di donare...

“Per il mio cuore domani”, campagna di raccolta fondi per 10 borse di studio a favore della ricerca anti ...

LEGGI TUTTO

Una causa da prendere a cuore. Insieme!

Se condividi i valori e gli obiettivi della Fondazione sostienici attivamente.
Diventa anche tu un protagonista della nostra attività.


sostienici

PARTNERSHIP

Fondazione Cuore Domani SICCH Research ONLUS - Via della Camilluccia n. 535 - 00135 Roma - C.F. 97930450586