MALATTIA VALVOLARE


Le valvole del cuore

Le valvole cardiache regolano il flusso di sangue generato dal cuore e lo indirizzano verso i polmoni e gli organi periferici. Il cuore è diviso in quattro camere; le due camere superiori si chiamano atrii (destro e sinistro), mentre le due camere inferiori si chiamano ventricoli (destro e sinistro); i ventricoli sono le due camere più importanti per la generazione del flusso cardiaco, e le valvole cardiache sono poste all’ingresso ed all’uscita del sangue dai ventricoli per indirizzare questo flusso. Gli atri invece funzionano da raccoglitori del sangue che proviene dalla periferia (atrio destro) o dai polmoni (atrio sinistro) e lo convogliano ai ventricoli per essere distribuito ai polmoni (ventricolo destro) o alla periferia (ventricolo sinistro).



(Immagini modificate da Heart Pro III for IPAD, 3D4Medical, Inc. Software disponibile su App Store)

L’atrio destro riceve il sangue dal corpo attraverso la vena cava e lo porta al ventricolo destro, da dove poi è trasportato nei polmoni per essere ossigenato. L’atrio sinistro riceve il sangue ossigenato attraverso le vene polmonari e lo trasporta nel ventricolo sinistro, da dove è inviato in tutto il corpo attraverso l’aorta.

Nel cuore esistono quattro valvole
; le figure 1 e 2 mostrano una sezione del cuore dove sono riconoscibili la valvola aortica, la valvola mitrale, la valvola tricuspide e la valvola polmonare.

• valvola tricuspide: è una valvola di forma ovale che regola il flusso fra l’atrio ed il ventricolo destro. I lembi valvolari sono legati ai muscoli papillari del ventricolo attraverso delle strutture fibrose (corde tendinee) che ne assicurano la chiusura e l’apertura;
• valvola polmonare: regola il flusso sanguigno dal cuore verso la circolazione polmonare dove il sangue viene ossigenato per poi entrare nuovamente nel circolo sistemico;
• valvola mitrale: regola il flusso fra l'atrio sinistro e il ventricolo sinistro. È costituito da due lembi che sono ancorati, attraverso le corde tendinee ed i muscoli papillari, al ventricolo sinistro;
• valvola aortica: regola il flusso sanguigno dal cuore verso la circolazione sistemica (tutti gli organi escluso il polmone).

Come funzionano le valvole?

Ad ogni battito cardiaco le valvole si aprono e si chiudono e questo permette al sangue di circolare.  Il funzionamento delle valvole è di tipo meccanico ed è regolato da variazioni di pressione a monte della valvola stessa. La pressione del sangue apre i lembi valvolari come fossero “porte” che poi si richiudono per impedire che il sangue ritorni indietro nella camera da dove proviene. Ad ogni battito cardiaco le valvole si aprono e si chiudono e questo permette al sangue di circolare.  Il funzionamento delle valvole è di tipo meccanico ed è regolato da variazioni di pressione a monte della valvola stessa. La pressione del sangue apre i lembi valvolari come fossero “porte” che poi si richiudono per impedire che il sangue ritorni indietro nella camera da dove proviene. [Fig.2]

LE MALATTIE DELLE VALVOLE DEL CUORE

Le malattie delle valvole cardiache, definite valvulopatie, sono dei malfunzionamenti di una o più valvole (aortica e mitrale nella parte sinistra, polmonare e tricuspide nella parte destra del cuore). Esse sono:
  • Stenosi: è il restringimento della valvola attraverso il quale passa il sangue che ostacola, in misura più o meno grave, il flusso del sangue stesso.
  • Insufficienza: è l’imperfetta o incompleta chiusura della valvola che determina il riflusso di una quantità del sangue che non procede nella direzione predefinita e torna indietro nella camera cardiaca da cui proviene.

Numerose sono le cause di questi malfunzionamenti fra le quali:
  • Difetti nella struttura delle valvole già presenti alla nascita (congeniti);
  • Degenerazione e calcificazione dei lembi valvolari;
  • Danni da febbre reumatica;
  • Infezione batterica (endocardite);
  • Infiammazione cronica o acuta;
  • Patologie primitive del muscolo cardiaco;
  • Ischemia miocardica
  • Degenerazione mixomatose
La valvola mitrale e la valvola aortica sono le più comunemente colpite da malattia, mentre i difetti della tricuspide e della polmonare sono più rari; nel caso della valvola tricuspide, il malfunzionamento è spesso secondario alla presenza da lungo tempo di un malfunzionamento della valvola mitrale, mentre i difetti della valvola polmonare sono molto spesso congeniti.

Come si manifesta e si evolve la malattia delle valvole cardiache?

Uno dei problemi principali di questa patologia è la lentezza con cui si manifesta, e possono passare anche anni prima che si renda evidente una sintomatologia che permetta una diagnosi corretta.

A volte un “soffio caratteristico” al cuore, scoperto casualmente ad una visita di controllo, può far sospettare un problema alle valvole.Ovviamente, i sintomi dipendono dal tipo e dalla gravità del malfunzionamento della valvola. I sintomi più frequenti dovuti al malfunzionamento di una o più valvole sono:
  • facile affaticabilità
  • difficoltà respiratorie, inizialmente dopo sforzo e quindi a riposo
  • dolore toracico (angina)
  • sincope (svenimenti, raramente morte improvvisa)
Talora vi possono essere inoltre battiti cardiaci irregolari (palpitazioni) e, nei casi più gravi, sintomi associati a scompenso cardiaco con accumulo di liquidi nelle zone declivi del corpo (edemi).


75.000 euro in borse di studio per la ricerca cardiovascolare

La fondazione onlus “Cuore Domani”, di diretta emanazione della Società Italiana di Chirurgia Cardiaca (SICCH), mette a disposizione 2 ...

LEGGI TUTTO

Buon 2019 !

Buon anno! Inizia bene il 2019. Sostieni anche tu la ricerca sulle malattie cardiovascolari. Manda un SMS al 45537 ...

LEGGI TUTTO

Una causa da prendere a cuore. Insieme!

Se condividi i valori e gli obiettivi della Fondazione sostienici attivamente.
Diventa anche tu un protagonista della nostra attività.


sostienici

PARTNERSHIP

Fondazione Cuore Domani SICCH Research ONLUS - Via della Camilluccia n. 535 - 00135 Roma - C.F. 97930450586